1. Inizio pagina. Vai subito al contenuto principale.
  2. Vai al menu del portale.
  3. Vai alla pagina di aiuto.
  4. Leggi gli elementi in testata.
  5. Leggi gli elementi nel pie' di pagina.
CSVnet - Coordinamento Nazionale dei Centri servizio per il Volontariato in Italia; vai al sito; si apre in una nuova finestra. CEV - Centro Europeo del Volontariato; vai al sito; si apre in una nuova finestra.
Sezione Aiuto. Consigli per la navigazione.


Fai volontariato a Roma e nel Lazio con IL TROVAVOLONTARIATO; entra nel mondo della solidarietà nuova finestra.
E-mail. Scrivici a info@volontariato.lazio.it Seguici tramite i nostri RSS Feed. Appuntamenti, incontri e iniziative da segnare in agenda.
Visita le nostre gallerie su Flickr; nuova finestra. Il canale YouTube di volontariato.lazio.it - nuova finestra. volontariato.lazio.it su Facebook; nuova finestra.
Protezione Civile

La Protezione Civile italiana - Il Dipartimento della Protezione Civile: strutture, componenti, attività

Introduzione; leggi oppure torna al sommario.

Il Dipartimento della Protezione Civile è stato istituito nel 1982 e fa capo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel Sistema di Protezione Civile svolge un ruolo di indirizzo, in accordo con le Regioni e le Autonomie locali, sui temi della previsione, prevenzione, monitoraggio dei rischi e delle procedure di intervento; coordina gli interventi in risposta ad eventi di tipo c) che per intensità ed estensione devono essere fronteggiato con mezzi e poteri straordinari; collabora alla stesura della legislazione sulla prevenzione dei rischi; promuove esercitazioni a livello nazionale e internazionale, percorsi di formazione e più in generale, la cultura della Protezione Civile.

Attualmente il Dipartimento si articola in 8 Uffici e 37 Servizi.

Le strutture operative; leggi oppure torna al sommario.

Le strutture operative

Nello svolgimento delle sue funzioni, si avvale di tutti i Corpi organizzati dello Stato, a cominciare dal Corpo dei Vigili del Fuoco, le Forze Armate, il Corpo Forestale dello Stato, la Guardia di Finanza e la Croce Rossa Italiana, la comunità scientifica e il Soccorso Alpino, il Servizio Sanitario e i mezzi del 118.
Un ruolo particolarmente rilevante hanno assunto le Organizzazioni di volontariato, presenti in ogni angolo del Paese e cresciute sia in numero che in termini di capacità operativa e di specializzazione.

Le componenti del sistema; leggi oppure torna al sommario.

Le componenti del sistema

Nel Sistema della Protezione Civile è coinvolta tutta l'organizzazione dello Stato, dai Ministeri al più piccolo Comune, oltre alla società civile che partecipa attivamente attraverso le Organizzazioni di volontariato.
Comuni,. Comunità Montane e Province si occupano di previsione e pianificazione attraverso i Piani di emergenza le Regioni si occupano della normativa sulla materia. Tutti insieme concorrono nella gestione delle emergenze e del relativo superamento, attivando le proprie risorse.

Attività del sistema nazionale; leggi oppure torna al sommario.

Attività del sistema Nazionale

La legge 225/1992 ha stabilito che le attività del Sistema riguardano previsione, prevenzione, soccorso e superamento dell'emergenza in relazione agli eventi, classificati di tipo a), di tipo b) e di tipo c).

Evento di tipo a) - si tratta di eventi che colpiscono un territorio in cui il Sindaco ha il compito di provvedere ad assicurare i soccorsi alla popolazione coordinando le strutture operative locali.

Evento di tipo b) - prevedono il coinvolgimento, su richiesta del Sindaco, della Provincia, della Prefettura e della Regione che mettono a disposizione le risorse di cui dispongono.

Eventi di tipo c) - si tratta di eventi che per le loro dimensioni e per le relative conseguenze, su richiesta della Regione, viene dichiarato lo stato di emergenza ed il coordinamento degli interventi viene assunto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e gestito dal Dipartimento.

Il DL 59/2012 e la relativa conversione in Legge n° 100/2012 stabilisce, all'art. 3, stabilisce che Sono attività di Protezione Civile quelle volte alla previsione e alla prevenzione dei rischi, al soccorso alle popolazioni sinistrate e ad ogni attività necessaria e indifferibile, diretta al contrasto e al superamento dell'emergenza e alla mitigazione del rischio, connessa agli eventi di cui all'art. 2.

La previsione consiste nelle attività dirette alla identificazione degli scenari di rischio probabili e, dove possibile, al preannuncio, al monitoraggio, alla sorveglianza e alla vigilanza in tempo reale degli eventi e dei conseguenti livelli di rischio attesi.

La prevenzione consiste nell'attività volta da evitare o a ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti agli eventi; si esplica attraverso l'allertamento, la pianificazione dell'emergenza, la formazione, la diffusione della conoscenza della Protezione Civile, l'informazione alla popolazione, l'attività di esercitazione.

Il soccorso consiste nell'attuazione degli interventi integrati e coordinati diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi la prima assistenza.

Il superamento dell'emergenza, consiste nell'attuazione, coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative volte a rimuovere gli ostacoli alla ripresa delle normali condizioni di vita.

Torna all'inizio dei contenuti
Pie' di pagina; brevi note conclusive
CSV Lazio – Centro di Servizio per il Volontariato - Via Liberiana, 17 - 00185 Roma - tel. 06.491340 | 06.44702178 - fax 06.44700229 - email info@volontariato.lazio.it
c.f.: 97151960586 - Fatturazione elettronica – codice destinatario: UE2LXTM
Associazione ´Noi e i Giovani´ | Scheda Vai alla scheda Tasto temporaneo di servizio per la validazione HTML
Fine pagina